Come la battaglia di Varsavia e le forze armate polacche cambiarono il futuro dell'Europa

Comandanti!

Gli eventi annuali che riconoscono e rendono onore alle forze armate sono comuni in tutto il mondo e uno è proprio dietro l'angolo: il 15 agosto la Polonia festeggia la giornata delle forze armate. Questa commemorazione ricade nella data in cui ebbe luogo l'importantissima battaglia di Varsavia, nel 1920. Lo scontro cambiò il corso della storia per la Polonia e per l'intera Europa. Questo giorno viene festeggiato con parate militari ed eventi di commemorazione, ma non è stato sempre così. Unitevi a noi per un approfondimento sulla battaglia di Varsavia e le imprese dei combattenti polacchi commemorate nella giornata delle forze armate.

La battaglia di Varsavia: una vittoria inaspettata

La battaglia di Varsavia fu l'apice della guerra polacco-sovietica del 1920. All'epoca la Polonia stava cercando di ripristinare i suoi confini precedenti al 1772, mentre l'Unione Sovietica di Vladimir Lenin cercava di diffondere il comunismo verso ovest con l'aiuto dell'Armata Rossa. Durante la sfida tra ideali contrastanti in Bielorussia e Ucraina, l'Armata Rossa aveva ottenuto una serie di rapide e decisive vittorie. Galvanizzato da questi progressi, Lenin ordinò alle sue forze di continuare verso ovest, ritenendo che la classe operaia polacca avrebbe aiutato la loro invasione in nome della rivoluzione.

Nel giro di sei settimane si trovavano nei pressi di Varsavia e, anche se la classe operaia non si era davvero schierata a favore degli invasori, il momento era decisamente a favore dei bolscevichi. Di fronte allo scenario di una sconfitta, il comandante polacco Józef Piłsudski propose un audace contrattacco in cui le forze polacche avrebbero atteso immobili l'arrivo dell'Armata Rossa, per poi aggirarla e accerchiarla. Questo piano non riscontrava molto favore tra i generali polacchi, poiché appariva come una manovra disperata. Ma le opzioni erano poche, pertanto decisero di seguire questa strada.

Quando l'Armata Rossa diede inizio all'assalto finale nell'agosto del 1920, Piłsudski, non completamente pronto, fu comunque obbligato a lanciare il suo contrattacco. Con gli invasori a 13 km dalla città, temeva che un'ulteriore attesa avrebbe potuto trasformarsi in una sconfitta. Mentre le forze polacche combattevano alla periferia di Varsavia, la cavalleria e la fanteria di Piłsudski si insinuarono attraverso le linee numericamente e tecnicamente superiori dei bolscevichi, coprendo grandi distanze in breve tempo. Incapaci di rispondere, le truppe sovietiche finirono nel caos: alcune divisioni continuarono a combattere verso Varsavia, altre si ritirarono, per poi disgregarsi.

La netta sconfitta mise in difficoltà l'Armata Rossa e, nei mesi seguenti, ulteriori vittorie polacche garantirono l'indipendenza del paese fino al 1939. Questa è considerata una delle battaglie più importanti della storia, in quanto la vittoria polacca fermò la diffusione del comunismo nell'Europa occidentale. Una vittoria sovietica avrebbe creato una Polonia comunista filo-sovietica, favorendo i disordini rivoluzionari presenti all'epoca nella vicina Germania.

Immagine interattiva. Scorri tra le due immagini per confrontare l'assalto sovietico a Varsavia e il contrattacco polacco. Le forze sovietiche sono in rosso, quelle polacche in verde.

Dalla festa del soldato alla giornata delle forze armate

Nonostante la vittoria nella battaglia di Varsavia e la sua importanza, l'evento commemorativo della festa del soldato fu osservato solo fino al 1947. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, l'Armata Rossa sovietica occupò la Polonia e ne controllò l'amministrazione. Con le elezioni del 1947, i comunisti presero ufficialmente il controllo del paese ed eliminarono la giornata delle forze armate per la sua glorificazione della sconfitta sovietica.

La festa fu invece ribattezzata giornata delle forze armate polacche e segnò l'anniversario dello scontro tra la 1ª divisione di fanteria polacca di Tadeusz Kościuszko organizzata dai sovietici e le unità tedesche nella battaglia di Lenino, nell'ottobre del 1943. Sebbene sia stata una battaglia importante nella storia militare polacca, la fanteria polacca fu costretta a ritirarsi a causa dello scarso coordinamento dell'Armata Rossa. Tuttavia, la battaglia di Varsavia è un ottimo esempio del coinvolgimento della Polonia nella seconda guerra mondiale poiché presenta, proprio come la battaglia di Lenino, un forte elemento di collaborazione.

Coinvolgimento polacco nella seconda guerra mondiale

La battaglia d'Inghilterra: gli assi della RAF

Dopo l'invasione tedesca in Polonia il 1º settembre 1939 e la sconfitta delle forze polacche, il governo in esilio, alcune delle sue forze armate e il servizio di intelligence si ristabilirono fuori dalla Polonia. Prima della metà degli anni '40, circa 35.000 tra aviatori, soldati e marinai polacchi erano fuggiti in Gran Bretagna, costituendo la più grande forza militare straniera del paese. Tra questi, circa 8.500 erano aviatori e, avendo già combattuto contro la Luftwaffe, erano tra i piloti più esperti della Gran Bretagna. Gli squadroni 302 e 303 della Royal Air Force, creati nel giugno 1940, comprendevano piloti polacchi, equipaggi terrestri e comandanti britannici.

Durante la battaglia d'Inghilterra, che infuriò dal 10 luglio al 31 ottobre 1940, abbatterono 201 aerei, mentre lo squadrone 303 totalizzò 126 uccisioni, un record tra tutti gli squadroni alleati. Witold Urbanowicz dello squadrone 303, con un totale di 15 uccisioni, fu il miglior pilota polacco, mentre Tony Glowacki fu uno degli unici due piloti alleati nella battaglia ad abbattere cinque aerei tedeschi in un solo giorno. La loro esperienza era tale che il 303º squadrone perse quasi il 70% di aerei in meno rispetto al resto della RAF.

La rivolta di Varsavia: la più grande operazione di resistenza militare

Mentre l'Armata sovietica si avvicinava a Varsavia a metà del 1944, il governo polacco in esilio cercò inizialmente di liberare la città dalle forze tedesche prima dell'arrivo dei sovietici, temendo che potessero reclamare la città dopo averla liberata loro stessi. La rivolta ebbe inizio il 1º agosto, con l'esercito nazionale polacco che prese il controllo del centro della città usando tattiche di guerriglia, nonostante solamente 2.500 dei quasi 45.000 combattenti della resistenza fossero armati.

Al loro confronto, i 25.000 soldati tedeschi erano dotati di armi superiori, artiglieria e carri armati, che i polacchi catturarono e usarono contro gli stessi tedeschi. Tra i carri catturati c'era il VI Pudel , di cui abbiamo parlato nella recente panoramica sui veicoli catturati e convertiti. Il 4 agosto, la maggior parte di Varsavia era sotto il controllo dei polacchi. Ma, dato la richiesta di assistenza avanzata dai polacchi alle forze sovietiche fu ignorata, arrivarono i rinforzi tedeschi, che massacrarono decine di migliaia di civili nelle loro case. Anche se quest'enorme crudeltà ostacolò la resistenza, la rivolta durò per 63 giorni. Alla fine, tuttavia, la Germania reclamò Varsavia.

Successivamente, nel gennaio del 1945, i sovietici e la prima armata polacca cacciarono i tedeschi da Cracovia, Varsavia e Poznań, nell'operazione Vistola-Oder. Dopodiché, si spinsero verso Berlino. La rivolta di Varsavia fu il più grande sforzo bellico intrapreso da qualsiasi movimento di resistenza europeo durante la seconda guerra mondiale. Tuttavia, i polacchi fornirono un contributo ancora maggiore per porre fine alla guerra.

Immagine a sinistra: un combattente dell'esercito nazionale polacco a Varsavia, 1944 | Immagine a destra: la cattura del Pudel in Via Okopowa a Varsavia, 1944

Il codice Enigma: gli sconosciuti eroi matematici della Polonia

Bletchley Park in Gran Bretagna, il centro di crittoanalisi alleato durante la seconda guerra mondiale, è noto a tutti come il luogo in cui è stato violato il codice Enigma. Tuttavia, fu il matematico polacco Marian Rejewski a violare il codice per la prima volta, nel 1932. Capendo che l'Europa era sull'orlo della guerra, le spie britanniche specializzate in violazione di codici visitarono i loro colleghi polacchi e scoprirono che la matematica — piuttosto che la linguistica — era la chiave per decifrare i codici tedeschi.

Gli esperti di codice polacchi avevano creato dei dispositivi per simulare la macchina Enigma, qualcosa che Alan Turing cercò di replicare in Gran Bretagna dopo averli incontrati. Si ritiene che i risultati di Bletchley Park abbiano accorciato la guerra di due anni e, mentre gli inglesi portarono avanti i loro piani, i contributi dei matematici polacchi Henryk Zygalski, Jerzy Różycki e Marian Rejewski furono cruciali. Il loro impegno contribuì a salvare milioni di vite ed è grazie a loro — e a molti altri coraggiosi militari — che la Polonia può festeggiare la giornata delle forze armate.

Roll Out!

Chiudi