"Sono lo Spirito della guerra": creazione di uno stile 3D in collaborazione con i Sabaton

Comandanti!

"Dalla battaglia di Poitiers alla battaglia di Verdun, dalla Normandia alla Somme, sono stato con tutti quelli che hanno combattuto quel giorno e con altre migliaia prima di loro. Sono lo Spirito della guerra!"

Il nuovo IX Strv K , un carro Premium di livello IX unico, arriva sui campi di battaglia accompagnato da riff heavy metal. Non s'è mai visto niente di simile prima d'ora.

Lo speciale stile 3D Spirito della guerra è stato creato specificatamente per lo Strv K, e ne cambia completamente l'aspetto. Oltre all'aspetto insolito, questo stile ha molte caratteristiche uniche, a cominciare da nuovi Marchi d'Eccellenza per il cannone, fino a un'esclusiva colonna sonora heavy metal. Ma la caratteristica principale di questo stile 3D è il suo bagliore dinamico, che cambia a seconda della situazione del campo di battaglia.

Questo veicolo è stato creato in collaborazione con la famosa band heavy metal svedese dei Sabaton ed è presente nel video musicale della loro nuova canzone "Steel Commanders". Questo veicolo è pilotato dagli intrepidi musicisti della band, assistiti dallo Spirito della guerra.

La missione è finita, ma potete ancora acquistare il carro nel Negozio Premium usando soldi veri e lo stile 3D in cambio di oro del gioco fino all'8 settembre alle 10:00 CEST (UTC+2).

FALLO TUO  


Partecipazione dei Sabaton

Già durante le fasi di sviluppo delle prime idee per questo stile 3D, gli sviluppatori di World of Tanks sono rimasti in contatto costante con i Sabaton. I musicisti hanno partecipato attivamente alla creazione dello stile e hanno contribuito in maniera appassionata all'intero processo.

Il nome della band parla da solo: è uno stivale di ferro. E a cosa sono associati gli stivali di ferro? Ai cavalieri e alla loro armatura, ovviamente! Tuttavia, non è stato facile ideare un concetto che riunisse cavalieri medievali e giganteschi carri armati. Da ciò ha avuto origine lo "Spirito della guerra": illustra la trasformazione da cavaliere a carro armato.

Nel gioco, lo Strv K prosegue la trama del video musicale. Lo Spirito della guerra, rappresentato da un cavaliere medievale, viaggia nel tempo fino a diventare un carro armato. Il veicolo presente nel gioco è la continuazione logica di questa storia. La persona che combatte con questo carro diventa una parte della storia.

Lo Strv K è molto più dell'ennesimo veicolo del gioco. Ha la sua storia personale che può essere condivisa dai giocatori di World of Tanks. La creazione dello stile 3D Spirito della guerra, per come è avvenuta, sarebbe stata impossibile senza l'entusiastica partecipazione dei Sabaton.


La storia della creazione

I lavori su questo stile hanno richiesto diversi mesi e il suo aspetto è cambiato più volte. Inizialmente, il concetto era il seguente: questo carro è un cavaliere a cavallo, in cui lo scafo è il cavallo da guerra protetto da una corazza, e la torretta è un cavaliere che imbraccia una lancia.

Non è stato facile creare uno stile così. Avevamo deciso di coprire lo scafo con due strati di schermature, ad imitazione della coperta imbottita che proteggeva il cavallo da guerra dalle frecce. Quindi, abbiamo voluto decorare la rastrelliera dietro alla torretta con del tessuto, per farla assomigliare al manto di un cavaliere. Ci venne anche l'idea di decorare la parte posteriore con una collezione di armi, o altre idee simili.

Durante la revisione, sono apparsi altri requisiti, come la decorazione della corazza con ornamenti scandinavi e l'aggiunta di uno stendardo al veicolo.

Sulla base di queste richieste, i nostri artisti hanno creato i primi prototipi dello stile, come potete vedere qui sotto:

Questi prototipi hanno dimostrato che gli approcci standard alla creazione degli stili 3D erano inutilizzabili. Normalmente, la creazione di una componente grafica per uno stile 3D richiede l'aggiunta id numerosi elementi al modello di un veicolo. In questo caso non potevamo adottare lo stesso metodo: la stilizzazione del carro per renderlo simile a un cavaliere non aveva nulla a che fare con il posizionamento di elementi storicamente appropriati su di esso. Nei prototipi dello stile, lo Strv K ricordava più uno scudiero principiante che un cavaliere esperto.

Poi, praticamente nel corso della notte, ci apparve il nuovo concept. Ora, lo stile Spirito della guerra non è un tentativo di ricreare un'immagine pezzo per pezzo, ma piuttosto una creazione materiale di un fabbro magico che ha deciso di forgiare un carro armato.

La prima iterazione raffigurava elementi di corazza arrotondata, ma questo aspetto non corrispondeva al modello del veicolo (ovvero, in altre parole, al modello utilizzato per calcolare i colpi a segno sul veicolo stesso). Nella seconda iterazione, abbiamo tenuto conto di questo fattore.


Un fantasma in armatura

Il veicolo è stato creato da un'armatura a piastre, perfezionando ogni singolo elemento: i rulli, i tagli della corazza, la parte posteriore della torretta, le ottiche e tanti altri elementi. Nonostante ormai avessimo stabilito un concept definitivo, l'aspetto dello stile 3D fu sottoposto a molte piccole ma importanti modifiche. Ogni minima cosa fu perfezionata.

Dedicammo molto tempo alle parti posteriori di torretta e scafo. Così facendo, i tagli non risultarono immediatamente visibili sullo scafo e il loro aspetto cambiò col tempo, poiché inizialmente erano più vicini alla torretta. Anche la forma dello scarico fu scelta con cura.

Durante una delle iterazioni, ci venne l'idea di rendere la canna più squadrata in modo da poterla "torcere". Tuttavia, anche una modifica apparentemente così semplice richiese del tempo prima di diventare definitiva. Durante questo processo, fu cambiato anche il numero di facce.

Lo stendardo fu successivamente rimosso, ma solo perché bloccava la linea di vista in gioco.

Subito dopo la preparazione del modello 3D, la squadra continuò a lavorare sul suo aspetto in una maniera differente. Il compito era quello di determinare il grado finale di usura del veicolo. Non volevamo danneggiarlo troppo, come se fosse stato creato da un artigiano inesperto. Allo stesso tempo, non volevamo nemmeno che la sua corazza risultasse perfetta e lucida come uno specchio. Stavamo realizzando un veicolo per lo Spirito della guerra, non una mostra! Così abbiamo trovato un compromesso. Alcuni punti presentavano ancora delle ammaccature dovute alla forgiatura, anche di grandi dimensioni, ma in generale la qualità della corazza era elevata.

L'armatura del tardo Medioevo risultò una vera opera d'arte. Non solo forniva un'eccellente protezione, ma era anche riccamente decorata. "Facciamo lo stesso!" pensarono i designer. Ma spuntarono così alcune complicazioni. Gli ornamenti storici e floreali dell'armatura di un cavaliere non si adattavano né all'immagine di un cavaliere nordico, né ai Sabaton. Creammo così degli ornamenti esclusivi per lo stile Spirito della guerra, tenendo conto della cultura scandinava.


Chi sei, Spirito della guerra?

"Senti i battiti del tuo cuore. Rallentalo. Spara tra una pulsazione e l'altra. È solo un bersaglio: ascoltami e vinceremo. Io sono lo Spirito della guerra."

Ogni volta che termina il conto alla rovescia, lo Spirito della guerra fa rivivere lo Strv K e lo guida verso la gloria: la ricompensa finale per ogni guerriero.

Per i nostri sviluppatori, lo spirito della cavalleria è stato associato con i mitici Lancillotto, Re Artù e altri eroi coraggiosi delle antiche leggende. Per questo, nella selezione di un colore con cui trasmettere la presenza dello Spirito della guerra nel carro, i nostri progettisti hanno abbandonato immediatamente qualsiasi tono aspro e aggressivo. Lo Spirito della guerra è un'entità neutrale. Non è né buono, né cattivo. Lo Spirito cerca solamente un oggetto in cui manifestare il suo potere e creare una simbiosi perfetta. Rappresenta la guerra stessa, ma non la provoca o la scatena. E ciò doveva essere rappresentato correttamente.

Il rosso, associato con l'aggressività, è stato scartato immediatamente. Il blu e il verde, anche se sono associati a cose differenti, con i loro toni freddi non sarebbero andati bene per un'entità battagliera. Alla fine, siamo arrivati ai toni caldi di un giallo neutro. Ma il colore da solo non è sufficiente. Tanto lavoro è stato fatto per rendere il bagliore dello Spirito della guerra come se avesse vita propria.


Il risultato finale

"La via della guerra non conosce fine. Nessuno ricorda come è iniziata e nessuno sa dove porta. Sul suo percorso, la spada divenne un moschetto e le frecce divennero proiettili. Le cotte di maglia lasciarono spazio alle armature a piastre, poi alle corazzature dei carri armati. Da qui, puoi ammirare le mura di Azincourt e Stalingrado, oppure le sponde segnate della Somme e i campi ardenti di Prokhorovka. È spessa la nebbia su Poltava e sono roventi le sabbie di El Alamein. Col tempo, coloro che hanno percorso la via della guerra sono diventati ricordi. Ricordi incisi nelle pagine dei libri di storia. Sento le voci di milioni di eroi che non hanno mai raggiunto la fine della loro strada. Sono stato accanto a loro in ogni istante. Sono testimone di dolore e disperazione. Ma ho visto anche resistenza e coraggio, valore e pietà. Sono lo spirito della guerra, vestito di acciaio. Sono il testimone, ma anche lo scrittore. Io sono la memoria stessa."

I nostri sviluppatori hanno cercato di trovare il veicolo giusto per questo stile 3D. Potevano scegliere tra vari carri armati. Volevano un carro svedese e, soprattutto, uno semplice e chiaro per i giocatori.

Anche se il nostro veicolo sembra un guerriero medievale, è comunque un carro armato: un'arma formidabile creata degli ingegneri del ventesimo secolo. Non ce ne siamo dimenticati durante la creazione dello stile 3D dello Spirito della guerra.

Marchi d'Eccellenza
I Marchi d'Eccellenza per lo Strv K sono creati nello stile degli ornamenti scandinavi.
Il cannone è modellato per ricordare una tecnica di realizzazione medievale.
In epoca medievale, era molto più facile per i fabbri forgiare un quadrato o una canna rettangolare piuttosto che una rotonda. È a quel periodo che risalgono le canne a base rettangolare, quadrata, esagonale e, addirittura, ottagonale.
Targa da torneo piegata verso l'interno.
Una caratteristica necessaria dello scudo da torneo (targa) è la sagoma tagliata nella parte in alto a destra, utilizzata per supportare la lancia. Le targhe erano realizzate in vari tipi di legno, coperte da robusta pelle: molto raramente venivano realizzati in ferro.
Spallacci
Spallacci (it.). Ognuna delle due pezze d’armatura destinate a proteggere la spalla del guerriero provvisto di corazza, in corrispondenza della commessura fra la corazza stessa e il cannone del bracciale, al quale venivano unite per incastro.
Testiera
Proteggeva la testa del cavallo e le flange spesso ne coprivano gli occhi.
Spirito della guerra
"Dalla battaglia di Poitiers alla battaglia di Verdun, da El Alamein ai campi di Kursk ricoperti di acciaio contorto, ero dentro ogni carro armato che ha combattuto quel giorno e le migliaia di giorni prima. Sono lo Spirito della guerra!"
Logo dei Sabaton
Dischi
Particolari dischi flottanti collegati da robuste cinghie agli spallacci. Potevano anche essere attaccati a l'elmo, al pettorale, alle cubitiere o ai guanti d'arme.
Spada a due mani
I guerrieri più esperti che tra l'altro erano notevolmente più alti e più forti rispetto ad altri erano armati di spade a due mani. Potevano prestare servizio come guardie del corpo per i capi militari, aprendo loro la strada sul campo battaglia, e se il loro signore veniva abbattuto, i colpi delle loro lunghe spade allontanavano i nemici, mentre i paggi aiutavano il loro signore. I guerrieri con spade a due mani potevano spesso guidare i distaccamenti in battaglia: spezzavano le picche e aprivano la strada alla fanteria. Una delle spade più famose apparteneva al capo dei ribelli e pirata Pier Gerlofs Donia, noto come Big Pier. La lunghezza totale della spada è di 215 cm.
Scudo da cavaliere
La superficie di uno scudo di questo era solitamente ricoperta da tessuto o pelle, su cui veniva applicata uno stemma araldico. Nel Medioevo i più abili artigiani che realizzavano scudi lavorarono in Francia (in particolare a Rouen) e in Austria, oltre che nella città di Norimberga.
Mantello e pelliccia
Questi aiutavano a mantenere caldo durante la notte e durante le lunghe marce.
Groppiera
Un componente della barda da torneo del cavallo. Proteggeva la groppa del cavallo dai fendenti delle armi e dalle frecce.
Acciaio bluito
Alla fine del Medioevo ci fu una vera rivoluzione nella tecnica di lavorazione decorativa delle armature in acciaio. Ogni mastro corazzaio aveva la propria ricetta per la bluitura, che conferiva all'acciaio un caratteristico colore nero con una sfumatura bluastra.
Blasone
Sugli scudi dei cavalieri erano solitamente raffigurati i blasoni completi dei loro signori. Nel Medioevo erano il segno distintivo di un nobile guerriero. Un blasone per un cavaliere era come un moderno passaporto. In questo caso, la lettera S indica che lo scudo appartiene ai Sabaton.


Lo spirito della guerra splendente

Tra le altre cose, lo stile 3D Spirito della guerra, risalta per i suoi effetti dinamici unici: Lo Spirito della guerra che si impossessa del carro al termine del conto alla rovescia e nel corso della battaglia ne fa scintillare il carro dall'interno, proprio come nel video della canzone.

OTTIENILO SUBITO  

Chiudi